Action Launcher è uno dei launcher alternativi maggiormente aprrezzati dagli utenti Android, grazie alla sua velocità, al design con opzioni innovative e per i widget nativi . Recentemente è stata  rilasciata la versione 3 , una vera e propria  riprogettazione topto-bottom delle app sfruttando il codebase di Android 5.0 Lollipop. Andiamo dunque ad analizzare le novità introdotte.

Prima di tutto si tratta di un upgrade a pagamento: chi ha acquistato la versione a pagamento di AL2 dovrà acquistare nuovamente la 3, tramite acquisto in-app. Lo sviluppatore ha spiegato per filo e per segno le ragioni dietro a questa scelta. Se volete approfondire, potete consultare il post originale dello sviluppatore, su Google+ (è in Inglese).

image_new.php4g4ggacl3

Proseguendo nell’analisi del nuovo prodotto, possiamo affermare che si tratta del  vecchio Action Launcher, attualizzato nella grafica e nellle funzioni utilizzando come fonte d’ispirazione principale l’interfaccia di  Google. Ecco le novità più interessanti:

  • non è più necessario specificare quante homescreen sono disponibili, se ne aggiungono in automatico trascinando il widget verso destra
  • All’estrema sinistra è presente Google Now, che si può comunque disattivare dalle impostazioni (è sempre il solito “trucco” stile Nova: una gesture che richiama l’app vera e propria)
  • L’app drawer Quickdrawer è sempre posizionato nel menu laterale, che però ora è molto più largo e comodo da usare; inoltre, creando uno Shortcut ad esso, è possibile creare anche un drawer alternativo stile Lollipop (popup bianco a schermo quasi intero)
  • Rimangono invariati le Cover e gli Shutter; questi ultimi però sono disponibili solo nella versione a pagamento
  • Sono disponibili diversi temi, con colori diversi
  • I widget non si aggiungono più dal Quickdrawer, ma premendo a lungo su un punto vuoto della Homescreen, proprio come in Google Launcher
  • Spariscono alcune feature che probabilmente non erano molto usate, come Quickpage e i contatori delle notifiche non lette.
  • Diminuiscono anche le possibilità di personalizzazione: non ci sono più gli icon pack, manca il ridimensionamento delle icone, la scelta del font, etc.

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteMeliconi MyMobile presenta la custodia Origami per tablet
Prossimo articoloSamsung Galaxy S6: nessuna variante “Edge”