Facebook Messenger

Facebook Messenger si avvicina a WhatsApp, la popolare applicazione di messaggistica istantanea controllata da Mark Zuckerberg. Secondo quanto riportato infatti dalla stessa piattaforma a tinte blu, sarebbe stato sfondato di recente il muro dei 900 milioni di utenti mensili. Un’enormità, messa tuttavia in penombra dal risultato raggranellato da WhatsApp, che recentemente per l’appunto brindato al miliardo di persone collegate in un sol mese. La chat di Facebook marcia dunque a ritmo calzante, e per celebrare l’importante risultato, la piattaforma di Zuckerberg ha deciso di orchestrare tutta una serie di nuovi strumenti, pronti a strizzar l’occhio verso il mondo business e, per converso, facilitare l’interazione tra le persone e le aziende: trattasi nello specifico di Messenger Codes, Messenger Usernames e Messenger Links.

La prima opzione consentirà, attraverso la scansione dei codici, di avviare nel modo più celere possibile una comunicazione. Messenger Usernames e Messenger Links rappresentano invece i nomi personalizzati ed i link da condividere online in qualsivoglia circostanza. A tale stregua, sarà sufficiente cliccare su qualsiasi link Messenger per iniziare la conversazione con una data persona od azienda o, ancora, cercare l’username richiesto, così da esser sicuri che la persona con la quale verrà intrapresa la conversazione sia effettivamente quella giusta. Facebook Messenger continua dunque a macinare numeri e, soprattutto, utenti, mettendo in moto una catena di contatti che, numeri alla mano snocciolati dalla stessa piattaforma, dovrebbe esser capace di fruttare oltre un miliardo di messaggi tra persone ed aziende.

Ed è proprio sul detto crinale che Facebook intende insistere, nel tentativo di rendere Messenger ancor più completa e business oriented. Le modifiche ufficializzate in queste ore vanno dunque intese in questa direzione, e vedremo in prosieguo se Facebook Messenger riuscirà nell’intento di superare il miliardo di utenze collegate in un solo mese. WhatsApp continua a guardare tutti dall’alto e chissà se la situazione possa ribaltarsi in prosieguo.

via

CONDIVIDI