Home » News » “Sonnambulismo” tecnologico…

“Sonnambulismo” tecnologico…



Sembra che ultimamente si stia diffondendo una nuova forma di “sonnambulismo”, ovvero spedire messaggi di testo tramite il proprio cellulare nel bel mezzo della notte (abitudine definita col termine inglese di “sleep-texting“). Il fatto è che molti utilizzano il telefonino fino a pochi minuti prima di addormentarsi e, avendolo a stretto contatto per tutta la notte, capita non di rado che in uno stato di semi-incoscienza si sveglino a una data ora per eseguire quello che è ormai diventato un comportamento automatico, se si considera con che assiduità lo hanno fatto per buona parte del giorno. La cosa avviene soprattutto tra i più giovani poiché molti di loro, per via della professione svolta, si ritrovano a dover rispondere con una certa urgenza a messaggi o email di lavoro pervenuti anche in tarda serata e così capita che di notte senza rendersene conto si apprestino a recuperare il loro prezioso strumento per reiterare il comportamento avuto fino a qualche ora prima. Tutto questo si verifica più o meno allo stesso modo in cui ad altri, ad esempio, capita di piombare in cucina a cercare nel frigorifero qualcosa di gustoso che li aiuti a sedare quell’improvviso notturno bisogno di cibo.
La cosa è stata definita quale “forma di sonnambulismo” dal dott. Shelby Harris, responsabile di Medicina del sonno al Montefiore Medical Center di New York, il quale afferma che:

È come se il cervello avesse impostato un pilota automatico. Pensiamo alla frequenza con cui la gente scrive messaggi oggigiorno, e la maggior parte dorme proprio a fianco (ai telefoni), così se ci si sveglia diviene un altro comportamento automatico… È una specie di forma di sonnambulismo, ecco come in qualche modo vedo la cosa.

Per fortuna il problema può essere arginato semplicemente spegnendo il cellulare prima di coricarsi e riponendolo in una stanza diversa da quella in cui si dorme. Oppure si potrebbe bloccarlo impostando un codice di sicurezza, ma questo soltanto se il cellulare in questione non è un iPhone Apple con iOS 6.1!