Home » News » Samsung lavora sul controllo cerebrale
attività cereblale

Samsung lavora sul controllo cerebrale



Samsung e l’Università del Texas stanno lavorando su un sistema che permetterebbe agli utenti, indossando un cappello pieno di elettrodi EEG e con l’uso di un applicazione, di controllare il funzionamento di uno smartphone o di tablet tramite il proprio cervello. Questo potrebbe essere uno strumento fantastico per coloro che hanno un handicap e che non riescono nell’utilizzo delle dita per il controllo del touchscreen. Attualmente sono già presenti  prodotti (NeuroSky) e sistemi emotiv sul mercato che utilizzano segnali EEG per controllare gli ingressi, sono utilizzati spesso per il gioco.

Questo elettrodi  EEG permette agli utenti di effettuare selezioni su un tablet, utilizzando i loro pensieri.

Samsung, insieme a Roozbeh Jafari, assistente e professore di ingegneria elettrica presso l’Università del Texas, stanno sviluppando il sistema per consentire agli utenti di selezionare i contatti, le applicazioni aperte e selezionare un brano da un elenco sul Samsung Galaxy Note 10.1 tablet. I ricercatori hanno scoperto che attraverso il monitoraggio ben noti schemi di attività cerebrale, mentre vengono mostrati ripetutamente dei modelli visivi , gli utenti potrebbero aprire un’applicazione ed effettuare le selezioni da un menu, concentrandosi su una icona lampeggiante a una certa frequenza.

La ricerca è ovviamente lunga per essere completata, in questo momento, ci vogliono 45 minuti solo per impostare il cappello con gli elettrodi e quest’ultimi hanno bisogno del gel per essere applicati. I risultati sono ottimi con un tasso del 80%/95% e con una selezione effettuata ogni 5 secondi. La cosa interessante è che la tecnologia funziona ed è in fase di perfezionamento. Speriamo veramente che questi studi vadano in porto sopratutto per coloro che attualmente hanno difficoltà ad usare la tecnologia attuale.