Home » News » Samsung Galaxy S5 avrà un lettore di impronte digitali, ecco come funzionerà
Galxy S5 Fingerprint

Samsung Galaxy S5 avrà un lettore di impronte digitali, ecco come funzionerà



Dopo tanti rumor ascoltati su Samsung Galaxy S5, arriva finalmente una notizia ufficiale sul nuovo smartphone di punta di casa Samsung.

Il sito SamMobile, conferma grazie ad un suo informatore, che il Galaxy S5 avrà un lettore di impronte digitali e verrà presentato ufficialmente al Mobile World Congress 2014.

Sembra quindi che l’erede del Galxy S4 esista e che verrà presentato a brevissimo. Spostiamo quindi la nostra attenzione sul sensore di impronte digitali e sul suo funzionamento, cosa che SamMobile ha spiegato molto bene.

Partiamo col dirvi che il Galaxy S5, non avrà tasti a schermo come dovrebbe averli HTC One 2, ma avrà i classici tasti soft-touche e il sensore di impronte, sarà implementato nel tasto home fisico.

Il sensore dovrebbe funzionare in modo molto simile a quello di HTC One Max, cioè con uno swipe delle dite dal basso verso l’alto. Il modo migliore per far riconoscere l’impronta, è quello di posizionare il dito sul pulsante ed effettuare un movimento dal basso verso l’alto, altrimenti può essere che l’impronta non venga letta bene. Inoltre il sensore di impronte installato su Galaxy S5, è sensibile all’umidità, quindi bisogna evitare di utilizzarlo con mani umide o bagnate, altrimenti il dispositivo mostrerà un messaggio che ci consiglia di asciugarsi le mani e riprovare.

Il sistema di gestione delle impronte, a livello di sistema operativo, è stato ottimizzato da Samsung per permettere una esperienza utente ottimale e un buon livello di personalizzazione delle impronte. Sarà infatti possibile configurare il riconoscimento di 8 impronte digitali e ad ognuna sarà possibile associare una modalità o il lancio di una applicazione, ma solo una di queste potrà sbloccare il telefono.

Sono state aggiunte inoltre la Personal Folder e la Private Mode, con cui è possibile nascondere file e cartelle e altre applicazioni, ad altri utenti che utilizzano il dispositivo, rendendo di fatto l’impronta digitale, una specie di password personale. Per aprire e chiudere la Cartella personale e la Modalità Privata si ha bisogno di cliccare il pulsante home e successivamente di far riconoscere l’impronta al sensore, oppure è possibile impostare anche un differente metodo di inserimento password come un pattern di sblocco oppure un PIN.

Sarà inoltre possibile verificare il proprio account Samsung ed entrare in determinati siti WEB che richiedono user e password, semplicemente con il riconoscimento dell’impronta e senza dover inserire ogni volta le proprie credenziali.

Sembra proprio che Samsung non abbia semplicemente dotato il Galaxy S5 di un sensore per il riconoscimento delle impronti digitali, ma un vero e proprio sistema che comprende funzioni aggiunteve che sicuramente miglioreranno l’esperienza utente, dando agli utenti stessi possibilità di personalizzazione del proprio dispositivo, qualcosa di veramente innovativo rispetto agli altri sensori disponibili già sul mercato. Non ci resta quindi che attendere il Mobile World Congress per assistere alla presentazione e alla dimostrazione del nuovissimo Galaxy S5.

Via