Home » News » Dispositivi mobile a 64 bit | Android accetta la sfida lanciata da Apple!

Dispositivi mobile a 64 bit | Android accetta la sfida lanciata da Apple!



La guerra nel mondo mobile da ieri ha iniziato a convergere su nuovi campi, infatti ieri, prima dell’inizio del tanto atteso keynote di Apple, la casa produttrice del maggior numero di processori per il mondo mobile, ARM ha annunciato che nel corso del 2014 arriveranno nuovi processori a 64 bit facenti parte della serie Cortex-A50.

ARM ha fatto sapere di essere al lavoro da diverso tempo per la realizzazione di processori a 64 bit e che i nuovi Cortex-A53 e Cortex A-57 basati proprio su questa tecnologia saranno nettamente migliori in termini di prestazioni rispetto agli attuali Cortex-A15 con guadagni nell’ordine del 50%!

 Cortex-A15-vs-Cortex-A57_performance

I processori a 64 bit di ARM saranno, ovviamente compatibili con le istruzioni a 32 bit e questo permetterà di utilizzare applicazioni e giochi scritti per l’attuale architettura senza quindi il rischio di perdere applicazioni meno recenti da parte dei futuri utenti, così come sarà integrata la tecnologia proprietaria big.LITTLE la quale permetterà di passare dall’utilizzo di un singolo core all’utilizzo di più icore a seconda delle esigenze.

Anche per quanto riguarda la tecnologia costruttiva ovviamente ARM farà un passo in avanti passando dai 28mm dell’attuale Cortex-A15 ai 20mm del futuro Cortex-A50 che comporterà minori consumi in termini energetici e di dissipazione del calore oltre a dimensioni più ridotte.

Di pari passo con l’introduzione dei processori a 64 bit sarà possibile realizzare dispositivi con 4 GB di Ram superando l’attuale limite dei 3 GB di Ram imposto dai processori a 32 bit.

Come detto la guerra nel mondo mobile continua, ma in questo caso se tutto quello che viene dichiarato da ARM si tradurrà in realtà, non ci saranno vittime ma solo vincitori, così oltre agli utenti Apple felici per il loro iPhone 5S a 64 bit, nel 2014 potremmo avere anche tantissimi utenti Android anch’essi felici del proprio dispositivo a 64 bit e dotato di 4 (o più!) GB di Ram e noi come sempre non vediamo l’ora di poterli provare per voi!

via